Terlizzi e dintorni

A 50m dalla piazza centrale e meno di 100m dalla stazione ferroviaria, nonché stazione metro aeroportuale, Il Frantoio 1937 vi consentirà di rilassarvi e di godere del centro cittadino, senza l'ausilio di mezzi di trasporto. Potrete godere di lunghe passeggiate in uno dei centri storici più interessanti del nord barese, di sapori della tradizione riproposti da pizzicagnoli dediti alla brace e ristoranti di esperti chef. Terlizzi gode di una posizione strategica poiché ubicata al centro della regione, vicinissima a centri culturalmente e storicamente noti ed importanti. Le cattedrali romanico-pugliesi di Trani, Barletta, Giovinazzo, Ruvo, il Castel del Monte che insieme ad Alberobello ed ai Sassi di Matera e' patrimonio dell'Umanità, la Basilica di San Nicola e il teatro Petruzzelli, i siti neolitici dei menhir e dei dolmen sono solo un esempio.

Itinerari Classici e Monumenti da non perdere per chi visita Terlizzi.

Il portale di Anseramo da Trani,

i menhir,

il Santuario della Madonna di Sovereto,

la Chiesa di Santa Maria La Nova,

la Pinacoteca De Napoli,

la torre normanna e il centro storico medievale.

Itinerari insoliti a Terlizzi e dintorni.

Visita alle serre floricole.

Le escursioni sulla bassa Murgia, tra boschi e rovi.

La via dei fiori.

Il mezzo più comodo per muoversi a Terlizzi.

Sicuramente a piedi o in bicicletta.

Le origini di Terlizzi.

Terlizzi sorge come umile contado, sotto la spinta e l’incalzare delle invasioni barbariche intorno al V secolo d. C. Fa la sua prima apparizione documentata nell’ultimo scorcio del VIII secolo. 

Il centro storico coincide con la cittadella medievale. L’insieme di case e viuzze disposte a raggiera convergenti verso la cattedrale di S. Michele Arcangelo, è delineato da quello che i terlizzesi chiamano “stradone” ovvero l’antico fossato della città ricoperto nell’Ottocento per permettere il transito del Carro Trionfale. I due rami semicircolari dello stradone sono gli attuali Corso Dante e Corso Garibaldi. Quello di Terlizzi è uno dei centri storici meglio conservati di Puglia. La piazza principale, dedicata a Cavour, presenta un monumento ai Caduti realizzato dallo scultore molfettese Giulio Cozzoli nel 1923.

 

Le Feste e le Ricorrenze particolari a Terlizzi.

Nel primo fine settimana di Agosto, la festa Maggiore, dedicata alla compatrona della città la Madonna di Sovereto e la festa patronale, il 23 aprile sempre dedicata alla Madonna di Sovereto.Il primo fine settimana di ottobre cade invece la festa della Madonna del Rosario, giorni in cui si organizza la tradizionale fiera degli artigiani e manifestazioni artistiche legate alla coltura e alla lavorazione dei fiori. Durante la Festa Maggiore, che si articola in tre giorni, le macellerie si organizzano per servire la carne cotta alla brace tra le strade e i sottani. Durante la domenica sera l’icona bizantina della Madonna di Sovereto viene portata professionalmente in trionfo su di un carro ligneo alto 22 metri e mosso dalla spinta di 60 uomini e condotto da 4 timonieri. La macchina da festa in transito è seguita dalla passione di tutti i terlizzesi che la seguono durante il percorso e l’attendono nei punti più critici con grande partecipazione emotiva.